• ads

Pensione di reversibilità: a chi spetta?

By Avv. Fabrizio Bartolini
In Notizie varie
gennaio 9, 2011
0 Comments
308 Views

La pensione di reversibilità spetta , prima di tutto, solo se al momento della morte l’assicurato era già pensionato o aveva già maturato la pensione d’invalidità. In caso contrario si avrà diritto solo ad una somma liquidativa.
Possono percepire la pensione di reversibilità il vedovo/a i figli minori o studenti sino a 26 anni di età se iscritti all’università e non fuori corso, i genitori ultra sessantacinquenni , non pensionati e carico, o, in ultima ipotesi, i fratelli e sorelle non coniugati, totalmente inabili, a carico e non pensionate .Il lavoratore , deceduto, deve aver maturato almeno 5 anni di assicurazione e versato i contributi per almeno 3 anni affinché gli eredi possano usufruire della reversibilità. L’importo della pensione di reversibilità è calcolata in percentuale rispetto alla pensione spettante pensionato e/o che sarebbe spettata al lavoratore deceduto:
60% al coniuge
20% a ciascun figlio se anche il coniuge ha diritto alla pensione
70% un figlio
80% due figli
100% tre figli o più.
La pensione di reversibilità non può essere inferiore al 60% nè superiore all’intero ammontare della stessa.
15% per gli altri superstiti.
E’ possibile avere una integrazione della propria pensione con quella di reversibilità qualora la pensione che si percepisce sia al minimo sociale e non sia sia in presenza di altri redditi anche alla luce dell’art. 38 Cost.

La pensione di reversibilità spetta , prima di tutto, solo se al momento della morte l’assicurato era già pensionato o aveva già maturato la pensione d’invalidità. In caso contrario si avrà diritto solo ad una somma liquidativa.Possono percepire la pensione di reversibilità il vedovo/a i figli minori o studenti sino a 26 anni di età se iscritti all’università e non fuori corso, i genitori ultra sessantacinquenni , non pensionati e carico, o, in ultima ipotesi, i fratelli e sorelle non coniugati, totalmente inabili, a carico e non pensionate .Il lavoratore , deceduto, deve aver maturato almeno 5 anni di assicurazione e versato i contributi per almeno 3 anni affinché gli eredi possano usufruire della reversibilità. L’importo della pensione di reversibilità è calcolata in percentuale rispetto alla pensione spettante pensionato e/o che sarebbe spettata al lavoratore deceduto:60% al coniuge20% a ciascun figlio se anche il coniuge ha diritto alla pensione70% un figlio80% due figli100% tre figli o più.La pensione di reversibilità non può essere inferiore al 60% nè superiore all’intero ammontare della stessa.15% per gli altri superstiti.E’ possibile avere una integrazione della propria pensione con quella di reversibilità qualora la pensione che si percepisce sia al minimo sociale e non sia sia in presenza di altri redditi anche alla luce dell’art. 38 Cost.

Articoli correlati:

About Has 528 Posts

VIA MATTEOTTI 47 - 55049 VIAREGGIO (LU) TEL. 0584/48859 - FAX. 058448245.Email: info@bartolinistudiolegale.com. SI RICEVE DAL LUNEDI' AL GIOVEDI' DALLE ORE 15.30 -20.00

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>